Cerca
Filtri
Opzioni ricette<
Close

Gianni Gallo.
Disegnatore di sogni e di etichette.

Gianni Gallo, conosciuto come «Galet» (Dogliani, 1935 – Dogliani, 9 agosto 2011), è stato un artista e incisore italiano.

È particolarmente conosciuto per le sue illustrazioni per etichette di vini e grappe, che per lo più rappresentano la flora, la fauna e le piante delle Langhe.

Dopo gli studi al Liceo classico dai Salesiani e un paio d'anni al Politecnico di Torino, ritorna definitivamente a Dogliani dove lavora nelle vigne e in cantina. Qui intensifica l'attività di studio personale, si esercita nel disegno e fa esperienze nel campo dell'incisione e della grafica insieme al pittore Claudio Bonichi e al maestro Eso Peluzzi.

Gianni Gallo

Inizia anche dagli anni '60 a disegnare etichette, prima per l'azienda di famiglia Ribote, poi per amici, Gepin e Mauro Mascarello di Monchiero, per il Castello di Verduno, per la cantina Vietti di Castiglione Falletto. In una serata invernale a casa Vietti-Currado nasce l'idea delle "Etichette d'autore" per riserve speciali di Barolo e di Barbaresco.

Gianni Gallo

Realizza collaborazioni molto lunghe, disegnando centinaia di etichette, con la Distilleria dei Fratelli Marolo, l'Agrimontana, Ca' de la Pasina, Aldo Vajra, Marziano Abbona, l'Oleificio Polla. Spesso poi offre disegni e incisioni a enti pubblici (dal Comune di Dogliani a quello di Cuneo, all'Enoteca di Barolo), per i festival dell'Unità o a molti periodici della provincia di Cuneo.

Nel marzo 1984 la rivista inglese Wine and Spirit (vedi articoli di Cynthia Bacon) assegna i premi Design Awards a sei etichette di Gianni Gallo su sei vini Vietti.

Realizza disegni, xilografie, acqueforti, disegnando fiori, erbe selvatiche, uccelli, insetti, frutti, alberi, la natura della Langa che ben conosceva ed amava.

Estraneo e del tutto disinteressato al mercato dell'arte, organizza un'unica mostra ad Alba nel gennaio del 1975. Altre mostre sono state realizzate da amici: nel 1981 presso la Ca' dj'Amis di La Morra, nel 2006 al Caffè San Marco di Trieste, nel 2008 a Dogliani con le tavole a china acquerellate di "Uccelli di Langa" e nel 2009 a Loano presso l'Oleificio Polla.

Mostre postume sono state allestite nel 2012 a Dogliani, nel 2013 a Torino, Mondovì e ad Alba.

Gianni Gallo

Per più di cinquant'anni "Galet", anarchico per scelta di vita e nel modo di sentire e di rapportarsi con gli altri, ha ricevuto amici e visitatori di Dogliani, dei paesi vicini, ma anche di ogni parte del mondo nella sua cucina sempre aperta, dove offriva la sua conversazione, un bicchiere di vino e la magia dei suoi lavori.

Nel 2015 è uscito il volume "DALL'ALTRA PARTE DELLA NATURA. ETICHETTE IN LANGA DI GIANNI GALLO" a cura di Silvia Sala e Lorenzo Mamino, che raccoglie e presenta le etichette disegnate dall'artista.

Gianni Gallo